Pubblicati da Carmelo Finocchiaro

, ,

Basta campi immigrati. A Vizzini, Militello e nella val di Noto vadano i turisti no i campi degli immigrati

Vadano a casa loro, da noi non c’è piu’ posto. Basta con questo solidarismo inutile ai tempi del coronavirus. Lasciamo a qualche schiocchino, come il Ministro per il Sud, Provenzano, parlare di solidarietà a tempo pieno. Dire che serve solidarietà e’ tipica della sinistra salottiera, che vive protetta e controllata. Senza conoscere che significa vivere […]

,

Un Sindaco supplente “giarrese” al governo della città di Catania. L’import non voluto dai catanesi.

I catanesi sono vittime di loro stessi. Una città che non produce leadership,  succube dei potentati e dell’assistenzialismo da favelas, finisce per essere governato da un uomo importato. Oggi dopo la sospensione per 18 mesi, sarà governata da un cittadino “straniero” alla città, piu’ giarrese che catanese, catapultato nel capoluogo, dalle logiche del potere Poglieisano, […]

,

Bene iniziativa residenti corso Sicilia. Liberare centro storico da extracomunitari, ormai siamo alla indecenza e ad un serio pericolo sanitario.

Basta solidarietà “pelosa” che mortifica il diritto all’abitare e alla proprietà privata. I quartieri della città di Catania, non devono piu’ vedere barboni e immigrati accamparsi la notte, in marciapiedi e piazze, rendendo tutto davvero “incivile”. In particolare il centro storico e Corso Sicilia, sono diventati il luogo di adagio per decine di persone in […]

A Catania la mafia nigeriana va in galera. Per fortuna.

La polizia di Stato di Catania, su delega della Dda etnea, ha eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di 28 persone, prevalentemente nigeriane, appartenenti alla confraternita cultista dei “Maphite”. Si tratta di una organizzazione  transnazionale con sede in Nigeria e basi nei Paesi europei ed in diverse regioni italiane. In […]

,

Salvo Pogliese “vittima” del suo stesso delirio di onnipotenza e dell’arroganza delle forze che rappresenta.

Il Sindaco di Catania è stato sospeso per 18 mesi sulla base della legge Severino, seppur criticabile ma comunque in vigore.  I fatti giudiziari, sulla base di quanto avvenuto ieri, lo condannano sul piano penale per quattro anni e tre mesi e, conseguentemente, alla sospensione di diciotto mesi dalla funzione di Sindaco. La verità sarà accertata […]

,

Ricordare Paolo Borsellino e non perdonare i “professionisti dell’antimafia” per il loro business e il potere

Si proprio cosi, ricordare Borsellino e dimenticare la brutta pagina vissuta dalla Sicilia e dai siciliani, non solo per le stragi che hanno distrutto il sogno della Sicilia onesta, ma per quel terribile sistema di potere creato dai professionisti dell’antimafia che, in nome degli eroi hanno costruito un vergognoso sistema di potere e insieme agli […]

,

Con il fallimento Finaria finisce Pulvirenti, grazie allo “scudo” del Calcio Catania, ha resistito malgrado tutto.

Il Calcio Catania è stato lo scudo che ha reso impunito il Signor Pulvirenti. L’uomo dei tanti, “come ha fatto”?. L’uomo servito e riverito dai poteri che contano della nostra città, l’uomo diventato supermilionario senza un perchè. L’uomo che ha fatto fallire la WindJet e di cui, salvo le prossime prescrizioni, è accusato di gravissimi […]

Catania senza politica, ma con tanti politicanti. I catanesi si sono condannati alla peggiore conduzione della città.

Catania ha bisogno di buona politica che ridisegni, insieme ai suoi cittadini “metropolitani”, il suo futuro. Troppi anni di classe politica scollegata dall’anima e dai problemi della nostra comunità hanno creato disaffezione alle istituzioni, mancata partecipazione, amministrazione lontana dalla gente. Delegare con una “cambiale in bianco”  questa classe dirigente inutile e inetta, non è stato […]

,

Il Calcio Catania scudo per l’impunità di Pulvirenti. Mai i Catanesi si sono indignati per gli scandali WindJet e Forte’?

Una parte della città rendeva “onore” a colui che ha fatto con Wind Jet un buco di 150 milioni di euro. E che da proprietario di un supermercato (forse, era del suocero a Belpasso) improvvisamente era diventato il “ricco” che comprava alberghi e società. Ma che aveva fatto un fallimento.  La Standa di Mascalucia. Anche […]